La lotta all’evasione fiscale è un flop, lo dice pure la Corte dei Conti. Per i giudici risultati deludenti se rapportati all’entità del fenomeno

evasione fiscale Carlino
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La riduzione delle tasse passa per la lotta all’evasione fiscale. Peccato che questa, considerando la diffusione del fenomeno in Italia, procede a rilento e con risultati ritenuti “incoerenti” con la dimensione del sommerso, soprattutto perché gli strumenti a disposizione dell’amministrazione sono ancora del tutto inadeguati.

Questo l’allarme lanciato dal presidente della Corte dei Conti, Guido Carlino (nella foto), illustrando la Relazione sul Rendiconto generale dello Stato (qui il documento). Per riuscire ad arrivare al cambio di passo tanto auspicato è necessaria “una strategia coordinata e costante di contenimento dell’evasione basata sull’uso delle moderne tecnologie informatiche e telematiche, sull’ampliamento dei pagamenti tracciati, sull’applicazione della ritenuta d’acconto e sull’azione di supporto all’adempimento e di controllo svolta dall’Amministrazione fiscale” ha spiegato Carlino.

In particolare, come sostenuto nella Relazione, è necessario il pieno utilizzo “di uno strumento di indagine particolarmente efficace qual è l’Anagrafe dei rapporti finanziari”. Durante la relazione, il presidente della Corte dei Conti ha parlato anche di Recovery plan, ritenuta “una grande opportunità” per finalizzare investimenti e spesa “buona”, tenendo lontana la spesa “cattiva”. come già raccontato dal premier Mario Draghi Fondi che porteranno il Paese a crescere ma che dovranno, appena sarà possibile, contribuire anche a garantire la necessaria riduzione del debito il cui rientro “sarà meno gravoso”.

Dall’archivio: Il livello dell’evasione fiscale è indecente. Si rispolvera il Redditometro. L’ipotesi allo studio per far scattare gli accertamenti. Il direttore delle Entrate: riformare la riscossione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA