Lotteria Quirinale, Renzi vede Berlusconi. Il premier costretto a fare i conti con i numeri pronto a stringere un nuovo Patto col Cav. Così riprendono quota Amato e Casini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’accelerata è arrivata ieri quanto Berlusconi e Alfano si sono incontrati per fare fronte comune per il Colle contro il premier Matteo Renzi. E allora è stato anticipato a stamattina alle 10.30 anche l’incontro tra Silvio e Matteo per trovare un’intesa per il Quirinale. Renzi, che nel Pd non può dormire sonni tranquilli con l’aria di scissione che tira, non può far a meno di stare a sentire l’aria centrista. E quella del centrodestra in particolare che conta di almeno 250 grandi elettori per designare il successore di Giorgio Napolitano. Berlusconi punta a ottenere un Presidente della Repubblica “garante di tutti e non solo di una parte, una persona di buon senso, equilibrata”. Un moderato. E per questo ci sono state prove di disgelo proprio con Alfano che non incontrava ormai da tanto tempo. Così che prendono quota nomi quali Giuliano Amato e Pier Ferdinando Casini. Senza dimenticare quell’Antonio Martino che fu tra i fondatori di Forza Italia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Una destra tutta suonata

La Sinistra ha stravinto le elezioni, ma c’è poco da festeggiare quando il successo arriva per abbandono dell’avversario, che già dopo il primo turno barcollava più di un pugile suonato. Nonostante l’avvertimento emerso quindici giorni fa dalle urne, Meloni e Salvini non hanno saputo riacquistare

Continua »
TV E MEDIA