Luca Nisco: il rider licenziato perché aveva strappato un biglietto che inneggiava al Duce è stato riassunto da Winelivery

luca nisco
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Luca Nisco, il rider licenziato perché aveva strappato un biglietto che inneggiava al Duce, è stato riassunto. Ad annunciarlo è la stessa Winelivery come riportato dal Resto del Carlino.

Luca Nisco: il rider licenziato perché aveva strappato un biglietto che inneggiava al Duce è stato riassunto dalla Whinelivery

“Riconosciamo – spiega la nota inizialmente facendo riferimento all’operatore, diverso da Nisco, che aveva trascritto il messaggio incriminato sul biglietto come voluto dal cliente – la responsabilità oggettiva sulla trascrizione, da parte dell’operatore locale, di un messaggio dal contenuto contrario ai suoi principi e valori, come espressamente riportato nei termini e condizioni. La nostra convinzione, come azienda e come cittadini, è di assoluta condanna ai comportamenti che inneggiano qualsiasi fascismo”.

Luca Nisco è un rider che lavorava per Winelivery, la piattaforma che permette di recapitare vino a casa. Beneventano trapiantato a Bologna, il 25 aprile era stato licenziato dall’azienda perché aveva strappato un biglietto d’accompagnamento a due bottiglie di vino perché inneggiava al duce. Nel biglietto c’era scritto: “In questo giorno di lutto che il nostro Duce possa guidare da lassù la rinascita”. E lui? “Appena arrivato al domicilio, davanti alla signora che doveva ricevere l’ordine, ho preso il biglietto e l’ho strappato”, racconta al Resto del Carlino. Il giorno dopo la piattaforma che trova i corriere per Winelivery scrive a Nisco: “Buongiorno Luca, – inizia – la presente per informarti che l’offerente Winelivery ha annullato tutti i turni a te assegnati, segnalando un comportamento scorretto tenuto durante lo svolgimento di un job. Ti chiediamo – il congedo della mail – di considerare nulle le lettere d’incarico ricevute per i job con Winelivery”.

La storia di Luca, riassunto da Whinelivery

A spiegarne i motivi è l’azienda contattata dal Carlino : “Alla voce ’termini e condizioni’ – precisano da quest’ultima – ci riserviamo il diritto di non consegnare un biglietto in caso in cui sia contrario al decoro, all’ordine pubblico, offensivo”. Dunque, “il primo problema” sta alla base: l’operatore che ha trascritto il messaggio “non ha seguito l’indicazione aziendale” mettendo nero su bianco “un bigliettino contrario alla legge. Parliamo di apologia di fascismo”.

Luca, per la piattaforma, avrebbe “attuato due comportamenti scorretti”. Primo, “una palese violazione della privacy aprendo il sacchetto e leggendo il biglietto. Al netto del contenuto, non doveva assolutamente accadere”. Secondo, “ha attuato nei confronti del cliente finale un comportamento non in linea con i valori aziendali, strappando il biglietto”. Il destinatario, continua Winelivery, è diverso dal mittente, e “in un certo senso è incolpevole”. Insomma, a prescindere dalla frase, “da stigmatizzare e per questo lo capiamo”, Luca avrebbe infranto il regolamento interno e per questo “non lo riteniamo più una risorsa in linea con quelli che sono i livelli di servizi che vogliamo dare al clienti”. Il rider, per l’azienda, poteva “rifiutarsi di consegnare l’ordine e portarlo indietro, piuttosto che comportarsi in quel modo”.

Leggi: Luca Nisco: il rider licenziato perché ha strappato un biglietto che inneggiava al Duce

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA