Il video di Lucia Borgonzoni che racconta aneddoti su Leonardo da Vinci… trovati su Wikipedia

lucia borgonzoni leonardo wikipedia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Lucia Borgonzoni, neosottosegretaria alla Cultura in quota Lega che ha dato prova nei giorni scorsi di grande competenza grammaticale, ha pubblicato su Facebook un video in cui racconta una serie di aneddoti su Leonardo da Vinci.

Il video di Lucia Borgonzoni che racconta aneddoti di Leonardo… trovati su Wikipedia

Le curiosità su Leonardo fanno parte di una rubrica settimanale con cui intratterrà periodicamente i suoi fans, significativamente intitolata “Prima l’Italiano”. Nella quale si propone di parlare di un grande italiano. La curiosità raccontata è che Leonardo ci teneva tantissimo alla moda, tanto da portare i capelli lunghi sulle spalle. E indossare una veste corta fino alle ginocchia, “cosa non abituata nelle persone di una certa età”. In ultimo, ha inventato il nodo vinciano, ovvero dei nodi particolari che si trovano all’interno dei suoi quadri.

Le curiosità raccontate da Borgonzoni però sembrano un po’… già viste. Leggendo su Wikipedia la voce dedicata alla vita personale di Leonardo da Vinci, infatti, in primo luogo si scopre che:

I ritratti indicano che, avanti con gli anni, teneva i capelli lunghi e fluenti cadenti sulle spalle, questo in un tempo in cui la maggior parte degli uomini li teneva tagliati corti; ancora, mentre la maggioranza dei suoi contemporanei si rasava o teneva comunque la barba corta, ecco che invece la barba di Leonardo raggiungeva il petto.

Il suo abbigliamento viene descritto più volte come essere insolito, originale nella scelta di colori vivaci, e in un momento in cui gli uomini maturi indossavano vesti lunghe e severe l’abbigliamento preferito da Leonardo era quello costituito da una tunica corta e flessibile, del tipo di quelle indossate dai giovanotti. Una tale immagine è stata poi ricreata nella statua che si trova oggi fuori dalla Galleria degli Uffizi.

E il nodo vinciano? L’aneddoto è talmente conosciuto che qualche tempo fa si è svolta una mostra a tema.

Leggi anche: Borgonzoni, la sgrammatica italiana alla Cultura: la sottosegretaria della Lega sbaglia il congiuntivo, poi arriva la toppa peggio del buco