L’ultima di Grillo: complotto alle urne contro M5s

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nuova pesante accusa di Beppe Grillo: brogli alle elezioni europee a vantaggio del Pd. Lo ha scritto in  un post «Broglio sì, broglio no: la terra dei cachi» con il quale esprime «sospetti» sul voto del 25 maggio scorso.
Il sito del leader del M5S arriva a parlare di «stupro alla logica per credere» alla debacle cinquestelle e avanza l’ipotesi di «avviare una verifica del voto, soprattutto in quei seggi “rossi” dove già in passato si sono verificati brogli».
Il sito propone un collage di articoli presi dal web che analizzano «la percentuale fantomatica del 41% al Pd»; spingono il M5S a «chiedere di avviare una verifica del voto; e, infine, suggeriscono di «costruire un sistema anti-broglio per vigilare in modo chiaro e controllabile sulle relazioni amicali e parentali degli scrutatori e presidenti dei seggio e permettere un controllo popolare quanto più esteso possibile tramite l’uso della tecnologia».
A sostegno della proprio tesi, il blog pubblica alcuni «Exit Poll italiani ufficiali diffusi in Gran Bretagna negli ambienti della finanza (e facilmente reperibili in rete), ma ancora vietati in Italia». «I dati delle ore 20 sembravano confermare il sorpasso del Movimento 5 Stelle nei confronti del Pd – si legge – Nel dettaglio: – M5S: 29,9%; – PD: 28,8%; – Forza Italia: 17,2%; – Lega Nord: 5,1% – NCD: 5,0%; – L’altra Europa con Tsipras: 3,8%; – Fratelli d’Italia: 3,5%; – Scelta Europea: 2,1%; – Italia dei Valori: 1,2%; – Verdi: 1%». «Così alle ore 20 – prosegue – le previsioni si sono rivelate attendibili per tutti i partiti tranne M5S e PD. Cosa è successo?!».

 

E Grillo approfitta del suo blog anche per attaccare nuovamente il sindaco di Parma Federico Pizzarotti. In un post dal titolo «Il gradimento dei sindaci M5S» indica le percentuali dei cinquestelle alle Europee come metro di giudizio dell’operato degli otto sindaci del Movimento. In base a questo criterio, Pizzarotti è ultimo. Il gradimento «in generale è molto positivo. A parte un’eccezione, in tutte le città con un sindaco 5 Stelle la percentuale di voti per il M5S – è il commento – si è attestata ad almeno 4 punti sopra la media nazionale». Pizzarotti è per l’appunto l’eccezione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA