L’ultima sfida del Caravaggio. Inedito confronto tra Merisi e Maestro di Hartford. Alla Galleria Borghese l’incipit della natura morta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Galleria Borghese si conferma come una delle migliori sedi museali di Roma. Questa mattina verrà presentata la mostra “L’origine della natura morta in Italia – Caravaggio e il Maestro di Hartford”, esposizione visibile al pubblico da domani e con cui, proseguendo l’opera di valorizzazione del proprio patrimonio artistico, si analizzano le origini della natura morta italiana nel contesto romano della fine del XVI secolo, seguendo i successivi sviluppi della pittura caravaggesca dell’inizio del ‘600. La mostra è curata da Anna Coliva, tra i più importanti storici dell’arte oltre che direttore della Galleria Borghese, e da Davide Dotti, critico d’arte che si occupa di barocco italiano e in particolare di paesaggismo e natura morta tra Seicento e Settecento. Una rivoluzione iconografica e concettuale che si deve dunque a Caravaggio allorché, intorno al 1597-98, dipinse a Roma la famossisima Canestra, conservata alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano e presente in mostra. L’opera sancisce la nascita del genere della natura morta, rappresentazione fedele e oggettiva di un brano di natura svincolato dalla figura umana. Per la prima volta le umili “cose di natura” assurgono al ruolo di protagoniste della rappresentazione pittorica, dal momento che per il Merisi non esisteva distinzione tra “pittura alta” di historia e “inferior pittura”.

Il misterioso pittore – Se Caravaggio licenziò l’archetipo della natura morta, il Maestro di Hartford, pittore attivo nella cerchia del Cavalier d’Arpino, si guadagnò un ruolo chiave per la diffusione della nuova iconografia, essendo il più antico specialista di natura morta attivo a Roma tra XVI e XVII secolo. Oltre ai due capolavori della Galleria Borghese, alla tela del Wadsworth Atheneum Museum of Art di Hartford e all’Allegoria della Primavera ultimata da Carlo Saraceni, saranno esposti altri quattro dipinti del misterioso pittore, alcuni mai presentati al pubblico, rinnovando questo appassionante giallo del mondo dell’arte. Il critico e storico dell’arte Federico Zeri, in un articolo del 1976, assegnò un ristretto gruppo di tele alla prima attività del Merisi, al tempo del suo passaggio nella bottega del Cavalier d’Arpino. Una tesi affascinante, che però divise la critica: per tale motivo venne creata la personalità del “Maestro di Hartford”, indefinita ma distinta da quella del Caravaggio, come quella di un misterioso artista che operò forse al fianco del giovane Merisi nell’atelier del d’Arpino, sviluppando così la sua specializzazione nel campo della natura morta. Nella seconda sezione della mostra campeggeranno rare tele del “Maestro del vasetto” e del “Maestro delle mele rosa dei Monti Sibillini”. La terza sezione sarà invece dedicata ai pittori che frequentarono l’Accademia istituita dal marchese Giovanni Battista Crescenzi nel suo Palazzo alla Rotonda, adiacente al Pantheon.