L’ultimo azzardo di Scilipoti: aprire case da gioco a Taormina e San Pellegrino Terme. Il senatore azzurro vuole implementare il turismo con i Casinò

Quella dei casinò deve essere proprio una fissa per il senatore, ora di Forza Italia, Domenico Scilipoti, che ne vedrebbe bene uno a Taormina (Messina) e un altro a San Pellegrino Terme (Bergamo). Per Scilipoti sarebbe un vero incentivo per il turismo. E allora perché non presentare una proposta di legge (già assegnata nei giorni scorsi alla commissione Finanze del Senato) per puntare tutto sul gioco d’azzardo e non sulle risorse dei territori? Per quanto riguarda Taormina, racconta l’Espresso, l’assenza di una casa da gioco, secondo Scilipoti “dirotta i flussi turistici internazionali e anche del Medioriente, a tutto danno della Sicilia”.  Per ovviare al problema delle infiltrazioni mafiose Scilipoti ha pensato che “i privati non potrebbero avere più di un terzo delle azioni della società concessionaria e nella struttura dovrebbe essere realizzato un presidio fisso della Guardia di finanza per registrare i giocatori di nazionalità italiana. Poi, per chi vince, è previsto l’inoltro dei dati anagrafici e fiscali all’Agenzia delle entrate”.

L’ultimo azzardo di Scilipoti: aprire case da gioco a Taormina e San Pellegrino Terme. Il senatore azzurro vuole implementare il turismo con i Casinò
Pubblicato il - Aggiornato il alle 17:10
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram