L’ultimo premio all’Europa che non c’è più. Menichini, l’ultimo direttore del giornale di partito chiuso, va a fare il capo ufficio stampa della Camera

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il giornale ha chiuso, nonostante abbondanti contributi pubblici. Ma lo spirito di Europa, ex quotidiano della Margherita, è vivo e vegeto. L’ultimo direttore Stefano Menichini (nella foto) è stato nominato capo ufficio stampa della Camera, al termine della selezione per sostituire Anna Masera che ha terminato il suo mandato: è lui il prescelto dalla presidente Laura Boldrini. Ed è solo l’ultimo giornalista di Europa a essere ‘premiato’. L’ex vicedirettore Filippo Sensi è il portavoce del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Non è andata male all’altro ex vicedirettore Giovanni Cocconi, portavoce del sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli. L’altro numero due Mario Lavia è invece a Unita.tv. Una delle firme di punta, Francesco Saverio Garofani, è il presidente della Commissione Difesa alla Camera. Per carità, è tutto lecito e sotto la luce del sole. Ma sorprende che un giornale come ‘Europa’ sia naufrgato, nonostante avesse al suo interno penne così importanti e una cospicua somma di finanziamento pubblico (oltre 3 milioni di euro all’anno dal 2003 al 2010, somma gradualmente diminuita negli anni successivi).