L’Umbria contro il Carroccio. Dura contestazione a Salvini che attacca il Governo: “Sono stufo, non c’è sicurezza”. Il Viminale risponde: “Per lui più di 8 mila uomini”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Contestazioni anche nel cuore d’Italia per Matteo Salvini. Anche in Umbria il leader del Carroccio è stato accolto con slogan offensivi, insulti e sputi. “Intollerabile, dove sono Renzi e Alfano? Dove sta la democrazia? Chi agita questo clima con 4 figli di papà che giocano a fare i rivoluzionari tirando petardi tra le mamme con carrozzine? Mi viene il dubbio che a qualcuno impedire alla Lega i comizi faccia comodo”, ha attaccato Salvini. Non ci stanno dal Viminale. E, infatti, la replica è arrivata per direttissima: “Dal 28 febbraio del 2015 a oggi, in relazione alle iniziative politiche dell’onorevole Matteo Salvini, che si sono svolte in 62 province, sono state impiegate 8.465 unità delle forze dell’Ordine”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA