L’uragano Karina

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Lorenzo Franculli per La Gazzetta dello Sport

 

Karina Jelinek, lo vedete da voi, è la proprietaria del lato B più bollente di Miami e, quindi, del mondo. Perché è sulle spiagge della Florida che si danno convegno i tanga e i fondoschiena più belli e audaci del pianeta: Ipanema, in confronto, è un convento a cielo aperto. Modella, imprenditrice (non è dato sapere in che ramo), prezzemolina tv, Karina è uno splendido rimescolio di cromosomi: argentina di nascita e crescita, ha origini nippo-mitteleuropee visto che la madre è giapponese (di cognome fa Yamaguchi) e il papà cecoslovacco. Ma lodarla solo per quella che in America Latina chiamano la “colita”, significa tralasciare tutto il resto. E noi non siamo i tipi. Oltre al lato B c’è molto di più: la Jelinek è una morocha (morettona) con un viso che promette scintille, un neo vicino al labbro che fa molto Cindy Crawford, misure perfette (90-62-90) e un seno che ha “dovuto” ridimensionare.

MENO LOLAS PER TUTTI — Quando ammise di aver diminuito le sue “lolas” («Erano troppo grandi, dovevo farlo») molti argentini volevano denunciarla per crimine contro la sensualità. Lei, però, tira dritto. Passa la vita tra talent show, copertine di riviste rosa e/o osé, Miami e Punta del Este. Sui social, è un uragano. Il suo profilo Twitter è venerato da mezzo milione di fan e basta farci un giretto per capire perché: la Jelinek non fa che “postare” foto piccanti e video hot. Certo, non brilla per acume, ma lei è la prima a prendersi in giro. «Una volta, in banca, mi hanno chiesto di firmare un assegno: io l’ho preso e sul retro ho scritto “Con affetto, Karina”. Pensavo davvero che volessero un autografo». Sul suo stato civile, possiamo dirvi due cose: è libera, ma poco disponibile a rimettersi l’anello al dito. Nel 2011 aveva sposato Leonardo Fariña, impresario e playboy che l’anno successivo è stato accusato di riciclaggio di denaro sporco. Il matrimonio è andato in pezzi. E Karina, che è una signora, ha venduto all’incanto tutti i regali ricevuto dal munifico Leo.