Luxuria pensa di stare all’Isola dei famosi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Vladimir Luxuria è stata arrestata fuori dal Parco Olimpico di Sochi, in Russia. «Colpevole», a quanto pare, di avere sventolato una bandiera arcobaleno con la scritta in russo «Gay è ok».

«Vladimir Luxuria è stata fermata a Sochi mentre portava una bandiera arcobaleno con scritto in russo “è ok essere gay”»: lo ha reso noto Flavio Romani, presidente dell’Arcigay-Associazione Lgbt italiana, riferendo di aver ricevuto una telefonata dalla stessa Luxuria».

Ma non stiamo all’Isola dei famosi.

Luxuria, prima transgender eletta nel parlamento di una nazione europea, era arrivata nella città russa nei giorni scorsi, insieme a una troupe del programma tv «Le Iene». Poche ore prima del suo arresto aveva pubblicato su Twitter una foto che la ritraeva davanti al parco olimpico con un ventaglio arcobaleno. «Sono a Sochi! – aveva scritto – Saluti con i colori della rainbow, alla faccia di Putin!».

Lo staff del ministro degli Esteri, Emma Bonino, ha fatto sapere che «l’ Unità di crisi è già attiva» per il fermo dell’ex parlamentare di Rifondazione Comunista.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA