M5S alla ricerca del merito. Da Casaleggio nuove regole per chi intende candidarsi alle prossime europee

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Grandi novità per chi intende candidarsi alle europee stabilite da Davide Casaleggio (nella foto) e dal vertice M5S. Nella specifico – si legge su Rousseau – esistono nove “meriti” che possono essere attribuiti a ciascun candidato. Innanzitutto i meriti generati dalle attività di partecipazione. Altro fattore di merito, il “Curriculum e titolo di studio”. Quindi si prevede la “Conoscenza della lingua inglese”. Infine, i meriti per le attività di formazione sempre all’interno di M5S. In questo caso, a determinare la posizione del candidato sono la “partecipazione ad attività formative sui territori” o “online”. Previsti anche dei “Meriti speciali” che includono riconoscimenti, menzioni e premi. Infine, è prevista la categoria dei “Supercompetenti”, se il candidato possiede un alto livello di specializzazione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA