M5S, Conte: “Comprensibile che ci siano delle perplessità. Adesso è il momento di guardare al bene delle persone e al futuro del Paese. Sindaco di Roma? No, grazie”

GIUSEPPE CONTE
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Saremo vicini, li seguirò, continueremo a sentirci”. E’ quanto ha detto al Tg3 il premier dimissionario, Giuseppe Conte, a proposito del confronto di ieri con i parlamentari M5s di ieri (leggi l’articolo). “Non è un passo facilissimo per alcuni di loro – ha aggiunto -, è comprensibile che ci siano delle perplessità. Ho detto loro quel che penso, adesso è il momento di guardare al bene delle persone e concentrarsi sul futuro del Paese. La compattezza è un valore in sé”. Alla domanda se aspiri a candidarsi sindaco di Roma, Conte ha poi risposto con un secco “No, grazie”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA