M5S, Crimi: “C’è ancora molto da fare. Abbiamo bisogno di una rinnovata unità. Mettiamo da parte individualismi e battaglie personali. Non è questo che ci chiedono i cittadini”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Nel difficile momento che sta attraversando il Paese, a tutti è richiesta responsabilità. Soprattutto alle forze politiche e di Governo, impegnate fin dall’inizio dell’epidemia a dare risposte concrete. Davanti a noi ci sono obiettivi importanti, e per raggiungerli dobbiamo concentrare tutti i nostri sforzi: c’è la proroga del Superbonus del 110% fino al 2023 e la riduzione delle tasse, c’è la legge sul conflitto di interessi (ancora ferma in Parlamento) e la regolamentazione del lobbysmo, e c’è il completamento del Reddito di Cittadinanza con le necessarie politiche attive, ora più che mai determinanti per il rilancio del Paese”. E’ quanto scrive in un lungo post sulla sua pagina Facebook il capo politico M5S, Vito Crimi.

“Abbiamo tante cose da fare. Alcune – ha aggiunto l’esponente pentastellato – già avviate e in stato avanzato, altre da iniziare. E davanti ad obiettivi tanto importanti abbiamo il dovere di non mollare, di andare avanti uniti e compatti a fare la nostra parte in questo progetto comune che ci vede al Governo. L’azione del Presidente Giuseppe Conte merita il nostro pieno e convinto sostegno, anche oltre i nostri confini, in Europa. La ricostruzione dell’Italia nella fase post-Covid è la sfida più importante, e per vincerla è necessario tutto l’impegno, la dedizione, le buone idee, lo spirito costruttivo e propositivo che il MoVimento 5 Stelle è in grado di esprimere”.

“Per affrontare tutto questo – scrive ancora Crimi – abbiamo bisogno di una rinnovata unità. Mettiamo allora da parte gli individualismi e le battaglie personali, non è questo che ci chiedono i cittadini. E concentriamoci sull’unico obiettivo che conta adesso: il Paese e il futuro della nostra comunità. Ma per andare incontro a queste nuove sfide dobbiamo crescere. Dobbiamo evolverci, dotarci di una nuova organizzazione e di regole chiare, insomma dobbiamo dare al MoVimento la forma migliore affinché prosegua il suo cammino al servizio dei cittadini”.

“Ed è con questa volontà – conclude – che la prossima settimana voteremo quanto è emerso dagli Stati Generali, che nelle ultime settimane hanno visto partecipare oltre 8.000 persone.
Ora è il momento dell’umiltà, della collaborazione, dell’unità. È il momento di contribuire al nostro percorso comune con spirito di servizio e senso di responsabilità. Il Paese ha bisogno di un MoVimento 5 Stelle coeso e determinato, che continui come ha fatto finora a difendere gli interessi dei cittadini e a rispondere alle loro esigenze con fatti e azioni concrete”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA