M5S, Di Maio: “Serve una leadership forte. Ma non un leader unico. Onere di Crimi promuovere gli Stati Generali”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Credo che sia onere di Vito Crimi promuovere gli Stati Generali. La mia idea è che questo movimento debba procedere per step, serve una leadership forte. Non ho detto un leader, ma servono persone in grado di portare questo movimento ad essere forte perché sta governando la settimana potenza mondiale. Con la nascita di una leadership collegiale va strutturato su tutto il territorio il movimento e con questo affrontiamo i prossimi tre anni di governo. Ma abbiamo bisogno di tutti, non possiamo pensare ad uno che sintetizzi gli interessi di tutti”. A dirlo a Porta a Porta è il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. “Serve – ha poi aggiunto l’esponente pentastellato – un momento di chiarezza che si chiamano stati generali. E per quanto riguarda la futura leadership le persone che hanno costruito questo movimento”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA