M5S, Grillo: “La bozza metteva al centro Conte. Forse aveva frainteso. Stiamo uniti. Se qualcuno vuole fare una scelta diversa la farà in tutta coscienza”

Grillo Conte
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Brevemente, vorrei spiegarmi, perché sento delle dichiarazioni che mi fanno anche male. Forse non le merito. La dinamica è che ci siamo visti tutti insieme con Conte, all’Hotel Forum…”. Inizia con queste parole un nuovo intervento del fondatore del M5S, Beppe Grillo, affidato a un video dal titolo “Con il cuore” pubblicato questa sera sul suo Blog.

Grillo nel video torna sullo scontro con l’ex premier Giuseppe Conte che ieri ha portato alla rottura tra i due (leggi l’articolo). “Brevemente vorrei spiegarmi – ha detto Grillo -, perché sento delle dichiarazioni che mi fanno anche male perché forse non le merito. La dinamica è che ci siamo visti tutti insieme con Conte, all’hotel Forum, e abbiamo dato l’incarico ‘Rifai il Movimento’, benissimo, perché è in crisi il territorio, avevamo bisogno di lui”.

“Noi – ha detto ancora il fondatore del M5S – siamo un Movimento che può mutare che può cambiare, è giusto che ci sia una persona che lo cambi. Questo era assolutamente una cosa concordata. E’ un Movimento che permette a un professore di Università di diventare il presidente del Consiglio: l’abbiamo fatta noi accadere questa cosa. Io ho presentato il simbolo 2050, tutti d’accordo”.

“La bozza – ha aggiunto Grillo riferendosi allo statuto elaborato da Conte – era una roba che metteva al centro lui. Forse aveva frainteso. Agli stati generali gli iscritti avevano detto che serviva una distribuzione dei poteri. Se hai tutto in mano ti fai male da solo. Io ho solo chiesto di avere la condizione del garante identica allo statuto che c’è adesso. Non ho chiesto altro. Ho chiesto: ‘lasciami essere il visionario’. Vi abbraccio tutti, stiamo uniti più che possiamo. E poi se qualcuno vuole fare una scelta diversa la farà in tutta coscienza”.

Leggi anche: Conte ha un progetto politico. “Non rimane nel cassetto. Non vedevo l’ora di condividerlo. Avevamo previsto di illustrarlo agli iscritti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA