Ma perché Tosi ora non parla? Il sindaco che accusò Roma e la polizia dopo l’aggressione da parte di teppisti al pullman della squadra scaligera, continua a tacere davanti alle bravate della frangia della tifoseria gialloblù

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il minuto di silenzio per le vittime di Lampedusa violato prima della gara Bologna-Verona non è la prima delle bravate degli ultras dell’Hellas Verona, curva da sempre di estrema destra. Solo che questa volta il sindaco Flavio Tosi si è guardato bene da condannare le sue frange, come invece fece dopo l’assalto dei teppisti a Roma contro il pullman dei giocatori del Verona: “Quel che è accaduto è di una gravità inaudita, fosse accaduto da noi la città sarebbe stata messa sotto accusa. In un paese civile si rimuove chi non ha garantito la sicurezza, a Verona le forze dell’ordine non avrebbero mai fatto accadere una cosa del genere”.
La tifoseria del Verona comunque non è nuova a episodi che fecero scalpore. Nel 1983 il calciatore brasiliano Dirceu passa dal Verona al Napoli. I veronesi lo salutano così: “Dirceu ora non sei più straniero, Napoli ti ha accolto nel Continente Nero”. La rivalità con il Napoli è forte e i veronesi sono i primi a cantare “Vesuvio bruciali tutti”, o “Vesuvio lavali col fuoco”, esponendo striscioni come “Forza Vesuvio” o “Vesuvio pensaci tu”.
Gli ultras del Verona passano ogni limite quando non rispettano i morti. Era già successo con Piermario Morosini, il calciatore del Livorno morto in campo per arresto cardiaco durante Pescara-Livorno. La curva gialloblù a Livorno cantò “Morosini figlio di p…”.