Macerata, dopo l’agguato di Traini cambia il questore: via Vuono, arriva Pignataro. Fonti di Polizia minimizzano: “Normale attività di avvicendamento di incarichi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo l’agguato di Luca Traini di sabato 3 febbraio, c’è il cambio di vertice nella questura di Macerata. Lascia Vincenzo Vuono, che rientra al Dipartimento di pubblica sicurezza con l’incarico di studio, ricerca e analisi, e arriva Antonio Pignataro, che lascia l’incarico di direttore del servizio II della Direzione centrale servizio antidroga.

Cambio che rientra in “una normale attività di avvicendamento di incarichi”, chiariscono fonti di Polizia.

Tra le altre nomine, quella del prefetto Mario Papa che, dalla Direzione centrale delle risorse umane del Dipartimento di Pubblica sicurezza, assume l’incarico di commissario straordinario del governo per la gestione del fenomeno delle persone scomparse. Il suo posto alla Direzione centrale delle risorse umane sarà assunto da Giuseppe Scandone, che lascia invece l’incarico di direttore della Scuola superiore di Polizia.

Annamaria Di Paolo viene nominata reggente della Scuola superiore di Polizia e lascia l’incarico di direttore dell’Ufficio relazioni esterne e cerimoniale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA