Mafia Capitale, Cantone torna all’attacco sul Cara di Mineo e ne chiede il commissariamento. Nel mirino quell’appalto da 100 milioni che imbarazza pure il Governo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Raffaele Cantone ci riprova e torna all’attacco. L’Autorità Nazionale Anticorruzione ha inviato al prefetto di Catania la richiesta di commissariamento dell’appalto per il Cara di Mineo ritenendo siano state irregolari le procedure d’affido. Spetta ora al prefetto la decisione di commissariare. Un bando per la gestione di quasi 100 milioni di euro per la gestione del centro di assistenza rifugiati e richiedenti asilo più grande d’Europa, già al centro dell’inchiesta della Procura di Roma su Mafia Capitale. Un appalto che rischia di mettere in difficoltà anche il Governo visto che Giuseppe Castiglione, sottosegretario all’Agricoltura e braccio destro del ministro Angelino Alfano, figura tra i sei indagati per turbativa d’asta nell’inchiesta della Procura di Catania sull’assegnazione della gestione del Centro.