Mafia Capitale, fiumi di denaro in contanti: così viaggiavano le tangenti. Odevaine versava i soldi a poco a poco per l’antiriciclaggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il grande accusatore di Alemanno, Luca Odevaine, ex strettissimo collaboratore di Walter Veltroni che accusava il sindaco di destra di aver portato borse piene di soldi in Argentina, in realtà i soldi se li portava lui in Venezuela. C’è anche un video che non lascia dubbi tra gli atti dell’inchiesta Mafia Capitale. “Mi raccomando – dive Odevaine a Marco Bruera – ti chiedo assoluta riservatezza, dopo di che m’hanno dato dei soldi… che devo poi versare e poi rimandare… in Venezuela. Me li hanno dato ieri sera questi soldi, per cui io stamattina sono andato in banca… e non me li fanno… cioè non li posso versare tutti perché sennò mi fanno la segnalazione all’antiriciclaggio”. Odevaine spiega allora come fare per eludere i controlli bancari.

IL TRUCCHETTO
“Ora per evitare la segnalazione … io ho versato 4500 euro, più altri 4500, li versiamo domani…poi se tu fai la stessa cosa adesso. 4500 oggi, 4500 domani … sono nove e nove…diciotto. Mi sa che bisognerà fare poi la settimana prossima un altro paio di versamenti. Io te li lascio a casa … le buste già divise con 4500 e la settimana prossima li vai a versare. Dovrebbero essere… secondo me…adesso devo fare i conti perché…mi sa che complessivamente m’hanno dato 30.000 euro circa … da versare”, conclude Odevaine.

LA ZOCCOLA
Ma nella sua rozzezza è l’intercettazione del 14 marzo 2013 tra Salvatore Buzzi e Franco Figurelli, che lavorava nella segreteria dell’ex presidente dell’Assemblea Capitolina, il Pd Mirko Coratti, pure lui arrestato, a far capire il livello di pressione esercitato sulle istituzioni.
Figurelli: “senti, te devo da’ un nominativo, me lo devi fa’ però
Buzzi: si
F: va be’?
B: pe’ cosa? Che te devo fa’?
F: eeh… pe’ ‘na ragazza
B: se… se è una zoccola la pigliamo subito (ride)
F: se è zoccola la fai diventare zoccola, che sarà… (ridono – inc.) se poi dici “an vedi che tette questa, che ce faccio”
B: ahò ma, scusa ma lo sai… la sai la metafora?
F: eh
B: la mucca deve mangiare
F: ahò questa metafora io glielo dico sempre al mio amico, mi dice: “non mi rompere il cazzo perché se questa è la metafora lui ha già, già fatto, quindi non mi rompere…”

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA