Mafia Capitale, la Procura di Roma chiede 116 archiviazioni. Tra gli altri, per il Governatore Nicola Zingaretti e l’onorevole Vincenzo Piso

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ben 116 richieste di archiviazione. E’ quanto ha chiesto la Procura di Roma in merito all’inchiesta Mafia Capitale. Si tratta di politici, imprenditori e personaggi già noti alle cronache giudiziarie coinvolti nell’indagine sul cosiddetto “mondo di mezzo”, spesso a seguito delle dichiarazioni di alcuni degli imputati.

Tra gli altri spunta il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, per il quale è stata chiesta l’archiviazione del fascicolo per corruzione e turbativa d’asta nato dalle parole di Salvatore Buzzi, dichiarazioni sulle quali gli inquirenti non hanno trovato riscontri.

Tra gli indagati per i quali i magistrati non hanno trovato gli elementi necessari a proseguire le indagini figurano anche Vincenzo Piso, parlamentare, ex Popolo della Libertà ed attualmente iscritto al gruppo Misto, indagato per finanziamento illecito; Daniele Leodori, presidente del Consiglio Regionale (turbativa d’asta); Alessandro Cochi, ex delegato allo sport della giunta Alemanno (turbativa d’asta); Riccardo Mancini e Antonio Lucarelli, collaboratori dell’ex sindaco di Roma, entrambi indagati per associazione mafiosa.

Nell’elenco spiccano poi i nomi degli imprenditori Luca Parnasi (corruzione) e Gennaro Mokbel (riciclaggio), e di Ernesto Diotallevi, in passato coinvolto in indagini sulla Banda della Magliana.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA