Mafia, la Procura chiede 10 anni per Lombardo. L’ex presidente della Sicilia rinuncia alla prescrizione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Procura di Catania ha chiesto la condanna a 10 anni dell’ex presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, imputato di concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio. L’ex leader del Movimento per le autonomie si è sempre proclamato innocente e oggi in aula ha reso noto di aver rinunciato alla prescrizione del reato di corruzione elettorale nel processo a Catania. La richiesta di condanna è stata formulata dal procuratore Giovanni Salvi, intervenuto personalmente davanti al Gup Marina Rizza, per concludere la requisitoria condotta nelle precedenti udienze dal sostituto Giuseppe Gennaro. Oltre alla pena di 10 anni di reclusione, la Procura ha richiesto due anni di sorveglianza vigilata e interdizione perpetua dai pubblici uffici.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA