Maggioranza e Ncd ne perdono un altro. Sbatte la porta anche Giovanardi. Ma non tornerà in Forza Italia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

E dopo Gaetano Quagliariello venne il tempo di Carlo Giovanardi per l’addio al Nuovo Centrodestra. Al Senato la maggioranza perde così un altro pezzo. Insieme ai due il partito alfaniano è stato abbandonato anche da Andrea Augello. Altro nome dato in uscita è quello di Vincenzo Piso. Giovanardi, che non tornerà in Forza Italia, alcuni coordinatori provinciali e i presidenti di 31 circoli dell’Emilia Romagna hanno sottoscritto un documento in cui prendono atto “del fallimento della missione e degli obiettivi che sono stati alla base della nascita del Nuovo Centro Destra, in quanto determinati a contribuire, in periferia come al centro, all’affermazione di un Centro Destra, alternativo alla Sinistra, collegato al Partito Popolare Europeo”. Poi la stoccata: “Con il 25% dei voti ottenuti alla elezioni politiche, PD e Governo vogliono imporre, scavalcando l’NCD e con i voti dei 5 stelle, una vera e propria rivoluzione antropologica come quella del matrimonio gay, con una martellante azione del Presidente Renzi, del Ministro Boschi e del sottosegretario Scalfarotto che, addirittura, ha fatto lo sciopero della fame contro il Parlamento”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA