Mai più vitalizi. Il M5S conferma la manifestazione a Roma il 15 febbraio. Crimi: “Non possiamo permetterlo. Dobbiamo reagire manifestando pacificamente”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il MoVimento 5 Stelle si è battuto come un leone per cancellare i vitalizi. Ora qualcuno vuole riprenderseli. Non possiamo permetterlo. Dobbiamo reagire, manifestando – pacificamente – il nostro dissenso. Per questo vi chiediamo di unirvi a noi e di ritrovarci tutti insieme in piazza a Roma. L’appuntamento è per sabato 15 febbraio, alle ore 14, in Piazza San Silvestro”. E’ quanto annuncia il leader M5S, Vito Crimi, sul Blog delle Stelle. “Sono oltre 700 i ricorsi presentati da ex parlamentari – aggiunge – che mirano a reintrodurre questi odiosi privilegi. Adesso tocca alla Commissione Contenziosa del Senato valutarli. Ed è in questa sede che qualcuno sta tentando, con gravi forzature e palesi conflitti d’interesse, di annullare la delibera con la quale eravamo riusciti a trasformare i vitalizi dei parlamentari in trattamenti contributivi, equiparandoli alle pensioni previste per tutti i cittadini”.

“Davanti a questa ennesima vergogna – afferma ancora il leader pentastelllato – tante persone hanno espresso indignazione, arrivando a proporre su Facebook una manifestazione al Senato. Noi siamo pronti, ci siamo. E accogliamo con entusiasmo questa iniziativa spontanea e pacifica. Per decenni abbiamo assistito ad un enorme spreco di risorse e di soldi, sottratti agli italiani per pagare ricche prebende ai parlamentari. Bastavano pochi anni di permanenza alla Camera dei Deputati o al Senato della Repubblica per maturare il ‘diritto’ al vitalizio. In qualche caso sono state sufficienti poche settimane, addirittura pochi giorni, per intascarlo”.

“Adesso, nel 2020, mentre noi abbassiamo le tasse a 16 milioni di lavoratori dipendenti – aggiunge Crimi -, questi ‘onorevoli’ della vecchia politica fanno di tutto per tornare al passato, al Medioevo dei vitalizi. È inaccettabile. A far esplodere definitivamente lo scandalo è stata la bozza della sentenza della Commissione chiamata a giudicare i ricorsi sui vitalizi. Una sentenza di fatto già scritta, considerato che 2 quotidiani ne hanno diffuso a grandi linee il contenuto. È gravissimo che la decisione sia già preconfezionata senza che si sia tenuta alcuna camera di consiglio. Come se non bastasse, ieri il presidente dell’Associazione ex Parlamentari ha dichiarato che è senza precedenti voler mettere in piedi manifestazioni contro una sentenza che ancora non esiste. In verità è il contrario: la sentenza è stata di fatto già scritta”.

“Adesso basta. Il tempo della casta e dei vitalizi deve finire – conclude il leader M5S -, i cittadini meritano una politica che sappia rappresentarli con dignità e agire nel loro esclusivo interesse, senza approfittarsene. Per combattere questa battaglia c’è bisogno dell’aiuto di tutti. Vi aspettiamo tutti a Roma, il prossimo sabato 15 febbraio, dalle ore 14, in piazza San Silvestro. E da lì faremo sentire la nostra voce contro questa vergogna: mai più pensioni regalate ai parlamentari, mai più privilegi a spese dei cittadini”.