Maiali in autostrada. Ecco perché i Benetton chiedono tariffe più care e concessioni infinite (senza gara)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chiamate i Cinque Stelle. Dopo la trazzera che hanno costruito in due minuti per ricucire la Sicilia divisa in due dal crollo dell’autostrada, adesso c’è da risolvere il problema della A1 Milano-Napoli. Nel tratto tra Piacenza sud e Parma, in direzione di Bologna, sono bastati due incidenti per bloccare tutto. Con scene paradossali. A rovesciarsi anche un camion che trasportava maiali, rimasti a pascolare liberamente tra le vetture bloccate in fila. Migliaia gli automobilisti rimasti bloccati per ore, ai quali è stata distribuita un po’ d’acqua e grandi dosi di rassegnazione. Autostrade per l’Italia, la concessionaria controllata dalla Atlantia e dal Gruppo Benetton, oltre a chiedere continuamente tariffe più alte e persino il prolungamento delle concessioni dello Stato senza fare gara, ha consigliato agli utenti già in viaggio sulla A1 in direzione di Bologna di seguire per la A21, poi proseguire per A7, A12, A11, con successivo rientro in A1 all’altezza di Firenze. Agli utenti non ancora in viaggio e diretti verso Bologna è stato consigliato invece di ritardare le partenze, o in alternativa di percorrere la A4 fino al bivio con la A22 per poi proseguire sulla stessa autostrada in direzione sud fino al bivio con la A1.

Una bella notizia per chi proprio oggi sta partendo per le vacanze.

Sul luogo dell’incidente sono ancora in corso le operazioni di messa in sicurezza e recupero dei maiali dispersi da parte dei veterinari dell’Asl.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA