Ancora maltempo al Sud. Allerta rossa della Protezione civile in Sicilia e Calabria. Centinaia gli interventi dei Vigili del fuoco. Una vittima nel Catanese

Maltempo Sicilia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È allerta rossa in Calabria e Sicilia per la violenta ondata di maltempo iniziata ieri e che ha causato anche una vittima nel catanese (leggi l’articolo) e centinaia di interventi da parte dei Vigili del Fuoco. È stato infatti trovato il corpo dell’uomo di 67 anni, disperso da ieri sera con la moglie di 54 a Scordia, nella Piana di Catania.

Il Dipartimento della Protezione civile ha diffuso un allerta meteo anche per domani. Persiste, infatti, l’area depressionaria sul Mediterraneo centrale che sta determinando condizioni di tempo perturbato sulle aree meridionali del Paese. “Il maltempo insisterà in particolar modo sulla Sicilia, con intensi temporali e venti di burrasca dai quadranti orientali” fa sapere la nota del Dpc.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso che prevede “il persistere di venti di burrasca dai quadranti orientali, con raffiche di burrasca forte, sulla Sicilia, specie sui relativi settori ionici. Saranno possibili mareggiate lungo le coste esposte”. Dalla serata di oggi  si prevedono precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sulla Sicilia, con fenomeni più frequenti sui settori centro-orientali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Per la giornata di domani, martedì 26 ottobre, “è prevista allerta rossa sul versante nord e orientale della Sicilia e su parte della Calabria”. “È inoltre prevista – aggiungono dalla Protezione civile – allerta arancione sulle restanti zone della Sicilia e su settori della Calabria. Allerta gialla prevista su Abruzzo, Basilicata, Molise, su gran parte del Lazio, e settori della Calabria”.

Violenta ondata di maltempo tra Calabria e Sicilia. Oltre 600 interventi dei Vigili del fuoco.

Nelle ultime 24 ore per il maltempo svolti dai Vigili del fuoco 400 interventi in Sicilia e 180 in Calabria, maggiori criticità a Catania, Siracusa, Reggio Calabria e Vibo Valentia: numerosi i soccorsi. Lo fanno sapere i Vigili del fuoco. Scuole chiuse, oggi, in diversi comuni siciliani, in particolare sul versante orientale dell’isola, da Messina a Catania. E’ stato disposto dai sindaci alla luce del bollettino diramato dalla Protezione civile. E chiuse per allagamento diverse strade statali e provinciali. Disagi registrati nei trasporti aerei.

In Calabria, in seguito al nuovo “messaggio di allertamento per possibili precipitazioni intense”, diramato dalla Sala Operativa Regionale della Protezione Civile Regionale, che prevede un livello di allerta codice rosso fino alle ore 24 di oggi, il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, ha firmato ieri un’ordinanza che prevede la chiusura al transito veicolare e pedonale del lungomare. Chiuse anche le scuole di ogni ordine e grado. Chiuse le scuole di ogni ordine e grado.

A Crotone, con ordinanza sindacale, è stata disposta l’evacuazione dei fabbricati e delle abitazioni a ridosso del Canale 19 in località Margherita. Prevista l’accoglienza delle famiglie nella palestra dell’Istituto “Vittorio Alfieri” che è stata già allestita dal Centro Operativo Comunale di Protezione Civile. Allerta anche a Cosenza ed a Vibo Valentia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA