Maltempo, flagello d’Italia. Due morti al Centro: un automobilista travolto da un masso a Lucca e un’albero ha schiacciato una donna a Urbino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il maltempo è tornato a flagellare il centro Italia. E ha già fatto due vittime. In Toscana, a Lucca, è morto un uomo di 41 anni che era alla guida della sua Ford Focus, travolta da un masso staccatosi da una parete rocciosa. Proprio questa regione è l’area più colpita: sulla zona soffia un forte vento, con raffiche oltre i 100 km/h. Cinque persone sono rimaste ferite, tra loro due vigili del fuoco, colpite da un palo di cemento crollato a Figline Valdarno (Firenze). A Pistoia, Prato e in molti comuni delle province di Arezzo, sono state invece chiuse le scuole.

L’EMERGENZA
Alchè il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha detto che firmera “lo stato di emergenza regionale per consentire ai sindaci dei comuni dove si sono registrati danni di avviare gli interventi urgenti e per estendere la mobilitazione della protezione civile sa tutta la Toscana”. Invece nelle Marche, a Urbino, è morta una donna, schiacciata da un albero sradicato da fortissime raffiche di vento. Forte vento anche in Liguria, con pesanti riflessi sui collegamenti ferroviari per la caduta di alcuni alberi sulle rotaie. A Genova, per precauzione, il Comune ha chiuso la Sopraelevata agli scooter, parchi e cimiteri.

LE ALLUVIONI
Situazione difficile anche nella zona di Senigallia, nelle Marche – già devastata da una alluvione il 3 maggio scorso – dove le forti piogge delle ultime ore hanno fatto salire i livelli del fiume Misa e di vari torrenti. E anche qui le scuole sono rimaste chiuse. Il forte vento ha colpito pure su gran parte dell’Umbria, dove ha cominciato a nevicare sulla fascia appenninica della provincia di Perugia, dal confine nord fino a Forche Canapine di Norcia. Alberi caduti, allagamenti, semafori non funzionanti e traffico in tilt invece a Roma. Si rilevano forti disagi al traffico da via Salaria a via Appia, da via della Bufalotta alla Casilina, da via Ardeatina alla Flaminia e sulla Tangenziale. Più a sud, a Napoli, è crollato un muro nel quartiere Chiaia, travolgendo otto auto che erano parcheggiate in strada. Numerosi interventi dei vigili del fuoco per infiltrazioni, allagamenti e caduta d’intonaci in diversi comuni della provincia. Nevica invece in Molise. Si registrano già difficoltà su alcune strade in alta quota a causa di code e rallentamenti per mezzi rimasti in panne. Disagi di questo tipo comunque si stanno verificando anche su arterie a quote collinari.

DISAGI ANCHE AL NORD
Nonostante la situazione più complessa sia al Centro-Sud, anche al Nord non mancano disagi: a causa del forte vento un albero è caduto sulla cabinovia Ciampinoi, in val Gardena. L’impianto è stato subito fermato ed è partita la macchina dei soccorsi. Oltre 200 sciatori, che si trovano nelle cabine, vengono attualmente tratti in salvo dall’elisoccorso e dagli uomini del soccorso alpino e dei vigili del fuoco.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA