Mamma, voglio fare il giornalista. Mi fai un bonifico?

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il mio nome è Pallino. Pinco Pallino. E da grande voglio fare il giornalista.
Quindi, finito il liceo, mi sono iscritto all’università.
Ho studiato, mi sono tenuto informato. Poi, dopo la laurea, ho fatto quattro o cinque stage in altrettante importanti redazioni. E dopo: la grande occasione. Ho avuto la magnifica opportunità di scrivere per un piccolo giornale. Un’esperienza straordinaria. Ricordo ancora quando raccontai il dramma di Lilly, la pecora che scappò da un ovile seminando il panico tra i ciclisti di un paesino. Fu la prima di tante magnifiche storie che fecero di me ciò che sono ora: un giornalista pubblicista.
Oggi però, dopo cinque anni, le storie di ovini e bovini non mi bastano più. Mi sento pronto per il grande passo.
Sì, io voglio proprio diventare un cronista d’assalto!
Quindi stamattina mi sono fatto coraggio e ho deciso di inviare il mio c.v. in risposta ai vari annunci su internet.
Il primo è questo: “Offriamo visibilità nazionale in cambio della scrittura dei propri articoli. Al momento non possiamo garantire nessun tipo di retribuzione”.
Beh… mi vedrebbe tutta la nazione! Bello! È che ho ‘sto problema dell’affitto… Mhmm. Vabbe’. Guardo quello successivo: “Giornale on line registrato seleziona per collaborazione gratuita”.
Certo, potrei tornare a vivere da mamma. Cucina anche bene, mamma. Però ecco… La benzina… Poi con questo aumento… Vabbè ma in fondo chi se ne frega, posso anche prendere l’autobus.
Ehi ma guarda qui: “Ricerchiamo giornalista televisivo”
Fantastico! Finalmente nonna Pina potrebbe vedermi all’opera. Sai che emozione?! Dopo Ridge e Thorne ecco suo nipote! Leggiamo il resto: “Si richiede un percorso formativo, una grande passione, ottima presenza, pronuncia e dizione senza inflessioni particolari e/o dialettali e l’aver già svolto uno stage in una struttura di produzione video. Lo stage è gratuito e non viene richiesta alcuna somma di denaro”.
Beh, certo, potrebbe essere difficile superare la selezione. Ma almeno non vogliono i miei soldi. È che… Trovato: potrei smettere di fumare. Anzi, meglio. Finalmente ho la possibilità di prendermi cura della mia salute!
Ma… Ma.. Wow! Qui c’è un annuncio interessante: Si ricerca DIRETTORE RESPONSABILE.
Fantastico! E poi dicono che a certi livelli ci arrivi solo dopo una vita di lavoro o con una raccomandazione di ferro! Vediamo…
“La figura ricercata è un giornalista pubblicista ma meglio ancora professionista che voglia inserirsi in un progetto attualmente senza budget. Non è prevista quindi retribuzione”.
Perfetto. La mia giornata di ricerca è conclusa. Ho inviato i miei c.v. ed ora posso finalmente chiamare la mia mamma: “Pronto?! Sì, sono Pinco. Sì, sì, tutto ok. Volevo chiederti… Ma per caso puoi farmi un prestito? Devo comprare il pane”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA