Manovra con marcia indietro. Arriva il tetto Isee, nuovo bluff sul bonus mamma e asilo nido

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il bonus mamma ci sarà, ma con qualche distinguo. Così come la misura sugli asili nido. In barba all’impegno assunto da Area popolare (Ap), che voleva evitare i limiti per l’erogazione delle agevolazioni. Durante l’iter della Legge di Bilancio, la maggioranza ha corretto i provvedimenti previsti dal Governo nel testo: potranno usufruire dei benefici della norma solo i nuclei familiari con Isee inferiore ai 13mila euro l’anno per il bonus mamma, e non superiore ai 25mila per il bonus nido. Nella maggioranza crescono le fibrillazioni: “Ribadisco che non è accettabile alcun tetto Isee per i bonus mamma e nido”, ha affermato il capogruppo degli alfaniani, Maurizio Lupi. “Quella sulla famiglia, e i 600 milioni a essa destinati nella legge di bilancio, è una politica organica, già sperimentata con successo in altri Paesi”, ha aggiunto.

Dalle opposizioni l’attacco è durissimo. “Come al solito c’è un abisso tra quello che il Governo Renzi annuncia e quello che scrive nei suoi provvedimenti”, ha dichiarato la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Da Forza Italia la presa di posizione è quella di Andrea Mandelli: “Le roboanti promesse del premier in materia di politiche sociali durano sempre lo spazio di uno slogan. Ed e’ lo stesso Pd guidato dal premier a fare retromarcia rispetto ad uno dei tanti bonus in manovra, restringendo in modo considerevole la platea dei tanto sbandierati interventi a favore delle neomamme. Non è, questo, un concetto autentico di solidarietà”. Il testo è comunque atteso dalla votazione in commissione Bilancio alla Camera.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA