Manovra, proseguono i contatti tra Roma e Bruxelles ma la decisione della Commissione Ue potrebbe slittare. Telefonata tra Tria, Dombrovskis e Moscovici

Giovanni Tria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il dialogo continua fra la Commissione Ue e l’Italia sul bilancio 2019. I commissari Dombrovskis e Moscovici sono in contatto con il ministro Tria. La Commissione deciderà i prossimi passi sulla base dei risultati di questo dialogo. Quanto alla riunione dei capi di gabinetto di oggi, non commentiamo mai le riunioni prima che avvengano. Il lavoro continua a tutti i livelli e non diamo dettagli”. E’ quanto ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas in merito alla trattative sulla legge di bilancio in corso tra Roma e Bruxelles.

Il governo italiano, dopo il vertice di ieri a Palazzo Chigi, ha inviato a Bruxelles “uno schema” con il nuovo quadro macroeconomico con il deficit al 2,04% e le altre misure previste dalla manovra. In mattinata, hanno confermato fonti del Mef, ci sono stati contatti telefonici tra il ministro dell’economia, Giovanni Tria, e il commissario Ue Pierre Moscovici e il vicepresidente Valdis Dombrovskis. L’obiettivo è quello di finalizzare quanto prima l’accordo. La legge di bilancio, intanto, domani pomeriggio dovrebbe approdare nell’Aula di Palazzo Madama ma non è escluso che la discussione possa subire un rinvio.

Si fa sempre più probabile, infatti, l’ipotesi che la decisione della Commissione Ue possa slittare. L’argomento non risulta al momento inserito nell’ordine del giorno della riunione dell’esecutivo comunitario in programma mercoledì prossimo 19 dicembre. Ma una modifica dell’Odg, avvertono fonti europee, è sempre possibile, anche all’ultimo momento e rientra nelle prerogative del presidente della Commissione Jean-Claude Juncker.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA