Maradona spacca Napoli. El Pibe de oro protagonista il 16 gennaio nello spettacolo di Siani al San Carlo. Ma il mondo della cultura partenopea insorge

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una prima mondiale con la regia di Alessandro Siani e la partecipazione speciale di Diego Armando Maradona. Per festeggiare i 30 anni dallo scudetto del Napoli, al Teatro San Carlo andrà in scena “Tre volte 10”, il live show che vedrà salire per la prima volta su un palco teatrale El Pibe de oro. La data è quella del 16 gennaio prossimo per una grande festa in cui Maradona racconterà di quegli anni irripetibili.  Un progetto particolare, prodotto da Best Live in collaborazione con Esga Trading, e realizzato grazie all’Art-bonus. Infatti il Teatro San Carlo di Napoli destinerà parte di quanto ricevuto alle attività educational per avvicinare giovani al mondo della musica. Ci sarà anche il rapper Clementino: “Ci sarò anche io sul palco del San Carlo con Maradona. E gli chiederò di girare un video con il quale vorrei aprire i miei concerti”.

Le critiche – Ma chi lo avrebbe mai detto che un evento con protagonista Maradona avrebbe potuto spaccare la città di Napoli? Forse nessuno. Eppure lo spettacolo al San Carlo è stato ritenuto eccessivo con le critiche che non si sono fatte certo attendere. Per il maestro Roberto De Simone è uno “sfregio alla nostra cultura”. Contrario anche il sociologo Domenico De Masi. Il quotidiano La Repubblica ha evidenziato anche la posizione contraria, a sorpresa, dell’avvocato Claudio Botti che è il fondatore dell’associazione “Te Diegum”, insomma è contrario alla presenza del suo idolo al San Carlo. Forse lo vedrebbe meglio al San Paolo. Abbassa i toni il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris: “Non c’è niente di scandaloso. Io sono per un teatro popolare quindi Maradona va benissimo”. Anche se a vedere i prezzi dei biglietti di popolare c’è ben poco.