Marilyn, una donna oltre il mito. Mostra a Torino sulla diva americana che oggi avrebbe compiuto 90 anni. Dai bigodini ai cosmetici: l’aspetto intimo dell’attrice

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I suoi bigodini e i suoi cosmetici, senza tralasciare i suoi appunti, saranno gli oggetti al centro della mostra dedicata a Marilyn Monroe. Più che i successi sul palcoscenico l’esposizione vuole svelare il lato umano dell’attrice che oggi avrebbe compiuto 90 anni. E il nome della mostra è tutt’altro che casuale: “Marilyn Monroe, la donna oltre il mito”, apre oggi a Palazzo Madama a Torino. I visitatori potranno apprezzare, per la prima volta in assoluto, anche il famoso vestito bianco indossato da Marilyn in “Quando la moglie è in vacanza”. Ma dinanzi a una stella del genere risulta impossibile ignorare totalmente il lato artistico. E per questo verranno mostrati anche gli oggetti di scena, abiti, spezzoni dei film e storiche foto scattate da fotografi del calibro di Milton Green, Alfred Einsenstaed, George Barris e Bernt Stern. Non poteva certo mancare anche il quadro dipinto da Andy Warhol Four Marilyns. Il curatore della mostra che andrà avanti fino al prossimo 19 settembre è Ted Stampfer, che attualmente possiede la più grande collezione privata al mondo di memorabilia e oggetti appartenuti a Marilyn. Una sorta di backstage del camerino della diva. Nell’esposizione torinese potranno essere ammirati circa 150 tra abiti ed effetti personali dell’attrice.

Gli oggetti furono acquistati nelle aste di Christie’s e Julien’s che dal 1999 resero pubblici i beni personali di Marilyn fino allora chiusi in casse e conservati a New York. Oggettistica che l’attrice aveva lasciato in eredità a Lee Strasberg, suo insegnante di recitazione e proprietario dell’Actors Studio di New York. E successivamente acquistati proprio dalle case d’asta di Christie’s e Julien’s. Tra le cose di valore lasciate da Marilyn anche un’ampia biblioteca. Un’attrice che amava la lettura come testimoniano gli oltre 400 volumi lasciati nella sua abitazione dove viveva con la sua governante. E dove venne trovata misteriosamente priva di vita a soli 36 anni. Era il 5 agosto del 1962. Resta il mito di una donna che si è fatta largo in un cinema, quello degli anni ‘50, dove a dominare erano gli uomini. Ma dove l’attrice americana è riuscita a conquistare una vetrina che resterà eterna nel tempo.