Marisela, dama dell’effimero che s’offre alla politica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Vittorio Pezzuto

Sul suo blog “prann pronn” Carlo Spallino Centonze ci regala la gustosa epifania della politica romana che (forse) verrà: Marisela Federici, gran dama dell’effimero e celebrata regina da salotto, rompe con un sussurro le inquietudini che interrogano il suo animo gentile e annuncia che presto le sue mani ingioiellate dovranno sporcarsi al contatto con gli elettori. «Le elites devono sentire la chiamata della responsabilità, il senso dell’urgenza, o la decadenza sarà inevitabile» ammonisce in un’intervista per certi versi sorprendente.
Deve esserci in giro davvero una gran crisi se anche i protagonisti di un mondo così fatuo e impermeabile ai problemi economici decidono di spendersi in politica: «Sa che ci sto pensando sul serio? Non sarei un senatore adeguato?» chiede con malizia all’intervistatore, pensando forse alla qualità deperibile dei tanti ministri e parlamentari che continua a ospitare nella sua villa “La Furibonda”.
La fascinosa nobildonna venezuelana confessa con elegante pudore di provare «un profondo imbarazzo a parlare di feste, cene e balli in un momento così oscuro, mentre si chiede agli italiani di fare ancora sacrifici. L’Italia è piegata da una crisi economica impressionante, e certe tristissime e disperate reazioni mi lasciano una profonda inquietudine. Ma reagire bisogna, e non credo di dare prova di superficialità se penso che è meglio una festa al mese di uno psicoanalista alla settimana. Una festa è vita, diffonde energia, una festa dà lavoro a molta gente, se è allegra, se riesce bene, aumenta le endorfine, ci aiuta a vedere la realtà con un po’ di ottimismo in più. È un’illusione? Certo, ma è bello se per un momento ci riempiamo di illusioni per andare avanti. Poi bisogna anche affrontare le cose serie, e mi piacerebbe dedicare alla politica l’ultimo tratto della mia vita, ma senza moralismi, senza rinunciare ad essere me stessa, con i miei tailleur, i gioielli, le canzoni della mia terra lontana». Federici crede di possedere la fantasia e la disciplina necessarie per apparecchiare una proposta convincente, contribuendo così alla rinascita di una città che giudica «triste, provinciale, poco motivata, priva di curiosità culturali».
È forse una critica puntuta al sindaco uscente? Ma quando mai. «Voterò senza alcun dubbio per il sindaco Gianni Alemanno: è giusto che abbia ancora cinque anni a disposizione. Ha fatto tesoro degli errori che governare questa città porta quasi inevitabilmente a commettere. Aggiungo che ha al fianco una moglie di grande livello, forse più intelligente di lui. Bisogna scrollarsi dall’inerzia, dalla critica senza costrutto e mettersi a lavorare per la Città Eterna e per il Paese». L’invito è stato lanciato: repondez, s’il vous plait.