Marò, nuovo schiaffo dell’India. La Corte di New Delhi rinvia ancora il processo per Latorre e Girone. L’udienza è spostata a dopo le vacanze estive

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’ennesimo rinvio. Ormai quasi non fa più notizia. La Corte suprema indiana ha deciso di spostare a dopo le vacanze estive, che terminano il primo luglio, tutti i casi iscritti ieri, compreso l’avvio della discussione del ricorso dei fucilieri di marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone contro la polizia investigativa Nia. I giudici esamineranno quindi solo alcuni casi riguardanti la possibile applicazione della pena di morte. La decisione del presidente della Corte Suprema, Anil R. Dave, di rinviare l’esame è stata puramente tecnica ed ha riguardato non solo il caso dei Fucilieri di Marina italiani, ma tutti i 25 che dovevano essere discussi ieri. Questo perché in una seconda lista supplementare pubblicata sul sito internet della Corte due giorni fa è stato aggiunto all’ultimo momento un nuovo caso che si trascina da anni a vari livelli della giustizia indiana in cui gli imputati sono passibili di pena di morte. E pensare che gli stessi giudici indiani, nell’udienza del 9 aprile scorso, avevano stigmatizzato le tattiche, da loro definite dilatorie, della difesa italiana per rinviare l’inizio del processo.