Mascherina in aereo, dove è ancora obbligatoria: cosa cambia in Italia e in Europa

Mascherina in aereo, dove è ancora obbligatoria: cosa cambia in Italia e in Europa. Tutte le nuove regole sul dispositivo di protezione.

Mascherina in aereo, dove è ancora obbligatoria: cosa cambia in Italia e in Europa. Tutte le nuove regole sul dispositivo di protezione individuale anti-Covid.

Mascherina in aereo, dove è ancora obbligatoria: cosa cambia in Italia e in Europa

Mascherine in aereo: cosa cambia in Europa

Cambiano le norme che regolano l’obbligo della mascherina in aereo in Europa. In quasi tutto il Continente europeo, infatti, a partire da lunedì 16 maggio le mascherine anti-Covid non sono più obbligatorie sui velivoli. Fanno eccezione soltanto l’Italia e la Germania.

Per quanto riguarda l’Europa, la decisione in vigore nel Vecchio Continente è stata stabilita dall’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea (EASA) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Nonostante la revoca dell’obbligo relativo al dispositivo di protezione individuale, entrambi gli organi hanno ribadito la raccomandazione di usare la mascherina soprattutto nel caso di soggetti che tossiscono o starnutiscono spesso oppure nel caso dei soggetti fragili. L’uso della mascherina, infatti, continua a essere considerato come uno degli strumenti di protezione più efficaci contro la trasmissione del SARS-CoV-2.

Le indicazioni di EASA e ECDC

Le regole sull’uso della mascherina, come specificato dai due organi, restano comunque a discrezione della compagnia aerea con la quale si viaggia. È stato precisato, infatti, che per “i voli da o verso una destinazione in cui è ancora richiesto l’uso della mascherina sui mezzi di trasporto pubblico, gli operatori aerei dovrebbero continuare a chiedere l’impiego del dispositivo, secondo le raccomandazioni”. I soggetti fragili, poi, “dovrebbero continuare a indossare una mascherina indipendentemente dalle regole, idealmente di tipo Ffp2/N95/Kn95, che offre un livello di protezione superiore rispetto a una mascherina chirurgica standard”.

EASA ed Ecdc, inoltre, hanno anche sottolineato quanto segue: “I passeggeri sono incoraggiati a osservare le misure di distanziamento nelle aree interne, anche in aeroporto, ove possibile. Si suggerisce agli operatori aeroportuali un approccio pragmatico: ad esempio, dovrebbero evitare di imporre regole di distanziamento se queste molto probabilmente produrranno un ‘collo di bottiglia’ in un’altra zona, soprattutto se requisiti di distanza non sono richiesti a livello nazionale o regionale in altri contesti simili”.

Mascherina in aereo, dove è ancora obbligatoria: le regole in Italia e in Germania

Se in Europa l’obbligo della mascherina in aereo è stata revocata, la medesima sorte non riguarda ancora Paesi europei come l’Italia e la Germania.

In Italia, infatti, i passeggeri che arrivano o partono dal Paese dovranno osservare l’ordinanza firmata alla fine di aprile 2022 dal ministro della Salute, Roberto Speranza. L’ordinanza ha stabilito una proroga al 15 giugno dell’obbligo di indossare la mascherina FFP2 sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza e, di conseguenza, anche sugli aerei.

Allo stesso modo, anche i Germania i passeggeri che volano da e per il Paese dovranno indossare la mascherina. La decisione è stata comunicata dal Ministero dell’Interno di Berlino che ha anche sottolineato che il dispositivo di protezione individuale dovrà essere indossato per l’intera durata del volo e durante le operazioni di imbarco e di sbarco. La mascherina potrà essere tolta soltanto per bere o per mangiare.

In Germania, l’obbligo decadrà sia per gli aerei che per i mezzi di trasporto pubblico a lunga percorrenza il prossimo 23 settembre. In merito alla decisione del Governo tedesco, il ministro della Sanità, Karl Lauterbach, ha spiegato che in considerazione dell’elevato numero di contagi “non è possibile prescindere dalle mascherine nel trasporto pubblico”.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram