Mattarella chiama Ciampi: sono grato di quanto hai fatto per il Paese. Tu puoi capire le mie preoccupazioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Messa alla chiesa dei Santi Apostoli, in centro a Roma, poi la passeggiata per raggiungere la foresteria della Consulta. Sergio Mattarella, da ieri Presidente della Repubblica, non perde le vecchie abitudini. Accolto in chiesa da padre Nicola Rosa: “Rivolgiamo fraterni auguri al nuovo presidente e chiudiamo con la benedizione di San Francesco.  Preghiamo affinché il Signore faccia risplendere il suo volto su ciascuno di noi, sul Paese, su chi ci Governa e su chi è chiamato ad assumere responsabilità per il bene del Paese”. Fermandosi alla fine della messa con delle suore ha detto loro: “Pregate per me affinché io sia uno strumento per il bene del Paese”. Poi è tornato a piedi, rispettando la domenica senza auto, alla foresteria da dove ha telefonato all’ex Presidente Carlo Azeglio Ciampi: “Sono grato per tutto quello che hai fatto per il Paese. Tu puoi capire bene quali siano le mie preoccupazioni”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA