Matteo, i giovani ti snobbano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Giuseppe Salvaggiulo per La Stampa

Sebbene sia il premier più giovane di sempre e guidi il governo più giovane di sempre, Matteo Renzi non sfonda tra i giovani. A quattro mesi dal trionfo nelle primarie Pd e a due dall’insediamento a Palazzo Chigi, il consenso del Pd tra gli elettori under 30 resta inferiore a quello generale, in linea con il risultato di Bersani e nove punti sotto quello del Movimento 5 Stelle.

La rilevazione è contenuta in un sondaggio Ipr Marketing effettuato per la trasmissione tv «Piazza Pulita». La fiducia in Renzi è cresciuta dal 50% al 57% tra l’inizio di marzo e la metà di aprile. E nelle intenzioni di voto in vista delle Europee, il Pd è in testa con il 32%, seguito dal Movimento 5 Stelle con il 24%. Ma tra gli elettori giovani il risultato si ribalta: M5S al 33%, Pd al 24%. Anche la lista Tsipras fa un balzo nel voto giovanile: 9% a dispetto del 3,9% generale.

Dal sondaggio emerge inoltre che l’elettorato del Pd è più maschile di quello del M5S (65% contro 59%) e gli anziani ne rappresentano il 42% (contro il 20% di giovani). «La notizia è che i dati sono in linea con la serie storica – spiega Antonio Noto, direttore dell’istituto demoscopico – dunque l’effetto Renzi vale ad allargare la base elettorale del Pd, ma non a modificarne il profilo. Non conquista i giovani, tra i quali raccoglie lo stesso consenso di Bersani».

Nei mesi scorsi, un’analisi di politologi delle università di Cagliari e Milano aveva studiato la composizione sociale e anagrafica degli elettori delle primarie Pd che avevano plebiscitato Renzi, rilevando l’assenza di una rottura generazionale: la maggioranza assoluta era composta da over 55, pensionati e dipendenti pubblici. Esattamente corrispondente all’elettorato del Pd bersaniano. Quello che Franco Cassano, sociologo e parlamentare democratico, all’indomani delle elezioni 2013, aveva definito «lo schema che ci imprigiona».

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA