Matteo risponde sull’Ilva e annuncia oltre un miliardo per Taranto che arriverà dalla famiglia Riva. E per il referendum presenta il kit anti-bufale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un Matteo risponde di un’ora e venti, che si è chiuso ieri sera dopo le 23, per toccare tutti i punti salienti e con una chiusura col botto in cui è arrivato l’annuncio di fondi per oltre un miliardo a disposizione di Taranto. “In queste ore si è conclusa la negoziazione tra la famiglia Riva e Ilva e oltre 1 mld arriveranno dalla famiglia Riva come compensazione grazie al lavoro di tutte le autorità. Questi soldi, alla fine quasi 1,3 mld, andranno a risanare Taranto e l’Ilva”, ha spiegato Renzi al termine della lunga diretta, “Ci sono state polemiche assurde sull’impegno del governo su Taranto che è in una situazione davvero difficile per colpa del passato. Noi siamo intervenuti in modo molto significativo, abbiamo messo 1,6 mld, di cui 1,3 risorse nazionali, 322 dalla giunta Vendola e 7 mln dalla Giunta Emiliano. Si dice che noi avremmo tolto l’emendamento con 50 mln in più: il presidente della Bilancio che è pugliese ha ritenuto inammissibile l’emendamento. Che cosa c’entra il governo?”

L’intervento di ieri è stato dedicato “a chi non odia”, ha detto il premier, perché “ci sono alcune persone che utilizzano in modo virale la propaganda, le bufale e la rete. Si può non essere d’accordo su tutto ma dimostriamo che noi non viviamo di propaganda”. Renzi ha presentato un kit anti-bufale, così hanno voluto chiamarlo i suoi responsabili della comunicazione, in vista del quesito referendario.

Il presidente del Consiglio si è soffermato anche sulla questione Senato: “I cittadini eleggeranno i senatori, sulla scheda ci sarà il nome e cognome ma la legge non è operativa perché non è operativa la riforma costituzionale”. Così Matteo Renzi, in diretta social da Palazzo Chigi, spiegando che più tardi mostrerà la scheda elettorale. I venti temi affrontati nella diretta sono stati l’elezione dei senatori; l’Art.70 che “non è lungo ma supera il ping pong tra Camera e Senato”; la deriva autoritaria; il tema del combinato disposto; i poteri Stato-Regioni; l’immunità; i risparmi; l’accusa del ‘si poteva fare diversamente’; il 117 e, dice Renzi, “il complotto secondo Salvini”; la riforma “frettolosa”; l’elezione del presidente della Repubblica; le nuove regole per i referendum; le leggi a data certa; si cede sovranità all’Ue che il leader Pd chiama “la bufala d’ora”. Extra referendum, il premier ha toccato argomenti quali l’incostituzionalità della riforma Madia; l’Air Force Renzi; i posti di lavoro; il pil; le tasse. E ha confermato l’impegno assunto anche con la minoranza del Pd per cambiare l’Italicum e l’accelerazione per dare risposte e fatti ai terremotati.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA