Mattinata di proteste alla Camera per i lavoratori cassaintegrati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il governo non ha rispettato gli impegni presi con i lavoratori cassaintegrati, e i sindacati si sono riuniti questa mattina davanti a Montecitorio per protestare. Lo scopo della manifestazione è quello di chiedere il finanziamento della cassa integrazione in deroga: “Si devono trovare le risorse per coprire almeno l’anno in corso. Serve un miliardo di euro per garantire continuità di reddito a chi è in Cig o è stato già licenziato” si legge in una nota.
Le risorse sono agli sgoccioli e nei prossimi mesi quasi 400mila persone rischiano di restare senza reddito. Nel frattempo gli stanziamenti previsti dalla legge di stabilità per il 2013 sono “palesemente insufficienti”.
I sindacati oggi chiedono al Governo di istituire entro fine mese una “cabina di crisi” presso la Presidenza del Consiglio per collaborare e stabilire l’entità della cifra da stanziare. E chiedono inoltre supporto ai gruppi parlamentari presenti nel nuovo Parlamento, per sostenere questa giusta richiesta. Secondo i sindacati, inoltre, con la “cabina di crisi” sarà possibile ottenere anche le previsioni per le risorse necessarie a coprire i prossimi anni, in modo da evitare il ripetersi della drammatica situazione presente.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA