Mercati in rosso. Decisive le incertezze sul debito di Atene. I nostri Bot semestrali rendono zero

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Borse europee in rosso, per le incertezze sul debito di Atene e la giornata partita negativamente a Wall Street. Gli spread però restano bassi, e l’ipotesi lanciata dal premier greco Alexis Tsipras di indire un referendum se le condizioni imposte dalla Troika saranno troppo dure non ha allarmato più di tanto, con effetti positivi anche in Italia. Il differenziale di rendimento tra il Btp a dieci anni e il Bund tedesco resta infatti stabile in area 120 punti base e il Tesoro ha venduto il Bot semestrale ottobre 2015 ad un rendimento pari a zero, collocando tutti i 6,5 miliardi di euro offerti a fronte di una domanda di 1,8 volte. Piazza Affari però ha chiuso in calo dell’1,15%, in linea con Parigi (-1,81%), Londra (-1,03%) e Francoforte (-1,89%). Tra i singoli titoli a Milano, ancora in evidenza la galassia Berlusconi (Mediolanum +2,59%) per le voci di cessione di Mediaset (+0,56%). Male St (-3,74%) e Ubi (-3,21%).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA