Mercoledì nero per il trasporto aereo. Alitalia cancella 198 voli per lo sciopero di piloti, assistenti e personale di terra. Ma assicura che il 70% dei passeggeri riuscirà a viaggiare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono 198 i voli Alitalia cancellati nella sola giornata di mercoledì 9 ottobre per gli scioperi nel settore del trasporto aereo proclamati da alcune sigle sindacali. Per limitare i disagi la compagnia ha attivato un piano straordinario che prevede l’impiego di aerei più capienti sulle rotte domestiche e internazionali, con l’obiettivo di riprenotare i viaggiatori coinvolti nelle cancellazioni sui primi voli disponibili in giornata. Alitalia prevede che “il 70% dei passeggeri riesca a viaggiare nella stessa giornata del 9 ottobre”.

Come conseguenza delle cancellazioni del 9 ottobre, si legge, inoltre, sul sito di Alitalia, “la compagnia ha annullato anche alcuni collegamenti nella serata dell’8 ottobre (14 voli) e nella prima mattinata del 10 ottobre (8 voli)”. Le liste dei voli cancellati sono pubblicati sul sito della compagnia.

“I passeggeri che hanno acquistato un biglietto Alitalia – riferisce ancora la compagnia – per viaggiare fra la serata dell’8 e la mattina del 10 ottobre, in caso di cancellazione o di modifica dell’orario del proprio volo, potranno cambiare la prenotazione senza alcuna penale o chiedere il rimborso del biglietto (solo nel caso in cui il volo sia stato cancellato o abbia subito un ritardo superiore alle 5 ore) fino al 24 ottobre”.

Il 9 ottobre è previsto uno stop di 24 ore dei piloti e assistenti di volo Alitalia proclamato da Anpac, Anpav e Anp; stop di 4 ore del personale navigante Alitalia proclamato da Assovolo Trasporto Aereo e Confael Trasporti; sciopero del personale dipendente delle aziende e vettori del trasporto aereo proclamato da Fast-Confsal. 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA