Mezzo assolto e mezzo prescritto: si salva Cerroni, il re della monnezza romana. Tutti prosciolti gli imputati sotto processo per la gestione di Malagrotta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tutti assolti per prescrizione o perché il fatto non sussiste. Con questo verdetto si conclude il lungo processo iniziato nel lontano giugno del 2014 e che ha visto imputate sei persone, tra cui il patron di Malagrotta Manlio Cerroni, a cui la Procura di Roma contestava numerosi reati tra cui quello di aver fatto parte di un’associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti. La sentenza pronunciata dal presidente del collegio della I sezione penale del Tribunale di Roma, presieduto da Giuseppe Mezzofiore, è arrivata dopo otto ore di camera di consiglio al termine delle quali i giudici hanno respinto completamente le richieste del pubblico ministero Alberto Galanti. Il magistrato di piazzale Clodio, infatti, nel lontano mese di marzo aveva chiesto pesanti condanne per gli imputati: 6 anni per Manlio Cerroni, 5 anni per Bruno Landi e Francesco Rando, 4 anni per Giuseppe Sicignano, 2 anni per Luca Fegatelli, e 2 anni per Raniero De Filippis.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA