Milano, la politica va in pensione. Sala vince le primarie del centrosinistra. Ancora un candidato estraneo ai partiti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il modello Expo ha convinto Milano tanto da proclamare Giuseppe Sala come candidato sindaco del centrosinistra. Primo in tutti i sondaggi Sala ha confermato le previsioni vincendo con il 42% dei voti le primarie. A seguire la candidata del sindaco uscente Francesca Balzani 34% e subito dopo Pierfrancesco Majorino 23%. In tutto hanno votato 61mila persone.

“Era un passaggio non facile quindi sono molto contento. Mi pare un ottimo risultato”, ha detto Sala, “una vittoria di Milano con primarie vere fatte in regolarità”. Una sottolineatura che in un Paese normale non sarebbe stata nemmeno necessaria, dovendo essere prefeibilmente la norma quella. Ma la spiegazione è arrivata in seguito alle dichiarazioni di Beppe Grillo che aveva attaccando parlando di “primarie truccate” per il voto di elettori cinesi. Resta da capire se ora con la vittoria di Sala la coalizione di centrosinistra resterà compatta o se qualcuno si chiamerà fuori dalla coalizione come qualche dichiarazione lascia supporre. Quella di Milano è anche una vittoria di Matteo Renzi con il suo candidato che ora esulta e si sfoga contro Grillo: “Loro scelgono il candidato con 50 click”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA