Milano, multato perchè non portava il casco. Ma viaggiava in macchina. La sanzione pazza nata dal numero della targa errato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sembra impossibile, ma non lo è. Essere multati per non aver messo il casco va bene, ma se la sanzione arriva quando voi state guidando la macchina è assurdo. Eppure è successo a un cittadino di Milano che ha ricevuto una contravvenzione di 88 euro per aver guidato una moto Honda senza casco. Il vero problema è che un 51enne di Rebecco sul Naviglio, non la possiede nemmeno una Honda. Lui girava in macchina il giorno in cui i vigili hanno redatto il rapporto. L’errore rischiava di costare molto caro all’automobilista. “Pensavo si trattasse di uno scherzo – ha raccontato – poi ho capito che era tutta realtà e che quella sanzione, per una presunta infrazione commessa in viale Papignano all’incrocio con via Modestino, doveva essere pagata”. Non solo. Perché al malcapitato che sulle due ruote a quanto pare non ama andare avrebbero tolto anche 5 punti dalla patente. Quando poi ha cercato di farsi annullare la multa è iniziato il calvario. “Ho dovuto faticare parecchio – ha spiegato – ma alla fine hanno ammesso l’evidenza dell’errore e la multa è stata annullata. Sono degli errori inammissibili che non dovrebbero essere commessi”. Come ha raccontato “Il Giorno”, il problema era sorto dal fatto che i vigili avevano segnato un numero di targa errato quando hanno “pizzicato” l’ignoto motociclista che contravveniva al codice della strada. Quello che è certo è che da oggi, quando entrerà in auto, oltre a mettere la cintura il 51enne si assicurerà anche di aver allacciato il casco.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA