Modifiche al Codice della strada, pronto il testo base di Lega e M5S. Molte le novità. Sanzioni più severe, niente smartphone e tablet al volante. In autostrada via libera agli scooter da 120 cc

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il testo base con le modifiche al Codice della strada è pronto. La Commissione trasporti della Camera dovrebbe approvarlo domani. Per la presentazione degli emendamenti è stato fissato, invece, il termine del 3 giugno, dopodiché inizierà la discussione vera e propria. Il testo, predisposto da M5s e Lega, contiene un significativo inasprimento delle sanzioni. Viene introdotto il divieto di uso di “smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento della mani dal volante”.

Il testo introduce parcheggi gratis per le vetture destinate ai disabili e l’aumento della decurtazione dei punti (da due a quattro) e delle sanzioni amministrative per chi li occupa senza averne diritto. Prevista una decurtazione di 2 punti per la sosta su spazi riservati alla ricarica dei veicoli elettrici. Le modifiche riguardano anche la guida “sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope”: “A seguito della modifica il reato si configura al solo ricorrere della presenza di una sostanza stupefacente nel corpo del conducente”. Si prevede inoltre che “l’uso di sostanze stupefacenti o psicotrope” possa essere “dimostrato attraverso gli accertamenti sulla saliva effettuati, nel rispetto dell’integrità fisica, presso laboratori accreditati, fissi o mobili”.

Il testo prevede strisce rosa non solo per le donne in stato di gravidanza ma anche con figlio di età non superiore a due anni. Consentito sulle autoambulanze il trasporto di un accompagnatore. Per i veicoli a quattro ruote destinati al trasporto di merci si introducono sistemi per la guida assistita. Nella segnaletica stradale arrivano i messaggi sociali e di sensibilizzazione. Ci sarà un limite di durata minima della luce semaforica gialla (5 secondi). Via libera alla circolazione su autostrade e strade extraurbane degli scooter 120 cc. Il foglio rosa passa da sei a dodici mesi. Previsto l’ingresso nel Codice della strada della definizione di strada scolastica con limite a 30 km/h, zone a traffico limitato o aree pedonali.

Abolito l’obbligo di uso diurno delle luci di posizione e degli anabbaglianti. Si prevede l’esenzione dal pagamento del pedaggio autostradale per i veicoli della Croce rossa, per i veicoli dei servizi di trasporto e soccorso sanitario, per quelli della Protezione civile, “nonché per i veicoli delle associazioni di volontariato appartenenti a reti nazionali”. Viene pure modificata la norma relativa alle sanzioni amministrative per i veicoli immatricolati all’estero: la mancata corresponsione della sanzione, delle spese di trasporto e custodia entro novanta giorni dalla notifica del verbale di fermo amministrativo, comporterà l’alienazione del veicolo.

Stretta anche sulla circolazione di veicoli eccezionali. Aumentano le sanzioni amministrative “in caso di circolazione dei mezzi d’opera in eccedenza rispetto ai limiti di sagoma e in caso di destinazione di mezzi d’opera al trasporto di cose diverse da quelle previste dalla normativa vigente”. Infine: “Viene modificato l’articolo 201, comma 1-bis, che elenca i casi in cui non è necessaria la contestazione immediata delle violazioni al Codice della strada. La modifica è riferita all’ipotesi di accesso di veicoli non autorizzati ai centri storici, alle zone a traffico limitato, alle aree pedonali, alle piazzole di carico e scarico di merci, e alla circolazione su corsie e su strade riservate, e concerne le modalità di rilevazione di tale infrazione, prevedendo che essa sia effettuata attraverso dispositivi omologati mediante apposito regolamento da adottare con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA