Molise, un operaio morto e altri due feriti per i lavori di ristrutturazione post sisma del 2002. Fatale il crollo della volta di una chiesa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tragedia in un cantiere per la ristrutturazione post sisma 2002. Un operaio di 53 anni è morto nel crollo della volta di una chiesa nel comune di Pietracatella in provincia di Campobasso. Ci sono anche due feriti gravi trasportati d’urgenza in ospedale. Il dramma si è verificato poco prima delle 14 nel cantiere di ristrutturazione di una cupola laterale della Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, che sorge di fronte alla chiesa principale del piccolo centro molisano. I lavori rientrano nella ricostruzione post sisma. La ditta edile è di un paese vicino, Gambatesa. Cordoglio da parte del presidente della Giunta regionale, Paolo di Laura Frattura: “Una tragedia che ci lascia tutti senza parole. Il dolore è pieno e vero per la terribile sorte toccata a Giuseppe Mancino, l’operaio che ha perso la vita nel crollo della volta della Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli oggi a Pietracatella. Un cedimento strutturale improvviso che riapre ferite profonde con le amare riflessioni che si accompagnano sempre a tutti gli incidenti che accadono sui luoghi di lavoro. Con Giuseppe sono rimasti coinvolti anche i suoi due colleghi impegnati nell’opera di ristrutturazione della chiesa. Seguiamo con apprensione gli aggiornamenti che ci arrivano sulle loro condizioni di salute. Il nostro abbraccio ai loro cari e le condoglianze più sentite alla famiglia Mancino. Siamo vicini a tutti, alle comunità di Riccia, la città dei tre operai, e di Pietracatella, sottoshock, entrambe, per questo terribile fatto che non doveva accadere. In questo momento di grande turbamento, siamo tutti uniti nel dolore per Giuseppe con la speranza che Antonio e Bartolomeo si riprendano al più presto”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA