Mondo di mezzo, la Guardia di Finanza confisca il tesoro di Carminati, Buzzi e dei loro complici. Si tratta di società, conti correnti, immobili e opere d’arte per 27 milioni di euro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Guardia di Finanza di Roma ha eseguito la confisca definitiva di beni riconducibili, direttamente o indirettamente, a Massimo Carminati, Riccardo Brugia, Roberto Lacopo, Salvatore Buzzi, Agostino Gaglianone, Fabio Gaudenzi, Cristiano Guarnera e GIovanni Di Carlo. Tutti sono stati arrestati, nel dicembre 2014, nell’ambito dell’inchiesta Mondo di mezzo e successivamente finiti sotto processo. La confisca, spiegano dalle Fiamme gialle, “rappresenta l’epilogo delle indagini patrimoniali svolte nei confronti degli indagati e dei loro ‘prestanome’, delegate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma al Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria ai sensi del Codice antimafia”.

Gli investigatori del Gico hanno accertato la sussistenza dei requisiti di “pericolosità sociale” e della rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati e i patrimoni accumulati nel tempo, necessari affinché il Tribunale capitolino emettesse vari decreti di sequestro, su richiesta della Procura della Repubblica, eseguiti a partire dalla fine del 2014. Parallelamente all’iter giudiziario per i reati contestati agli indagati, “sono stati celebrati i vari gradi di giudizio dell’autonomo procedimento per la misura di prevenzione, che si è concluso con la pronuncia della Corte di Cassazione del 22 ottobre che ha dichiarato inammissibili i ricorsi proposti dalle parti, rendendo così definitiva la confisca di: 4 società operanti nei settori immobiliare e del commercio di prodotti petroliferi; 13 unità immobiliari e un terreno siti a Roma e in provincia; 13 automezzi; 69 opere d’arte di importanti esponenti della scena artistica della seconda meta’ del XX secolo (Pop Art, Nouveau Re’alisme, Futurismo e Surrealismo); numerosi rapporti finanziari; per un valore di stima pari a circa 27 milioni di euro”.

A Massimo Carminati, condannato per associazione per delinquere, traffico di influenze illecite e corruzione (leggi l’articolo) e noto per i suoi trascorsi nella formazione di estrema destra Nuclei Armati Rivoluzionari, nonché per il “rapporto stabile e funzionale” con la Banda della Magliana e il furto al caveau della Banca di Roma presso la Città Giudiziaria di Roma, commesso tra il 16 e il 17 luglio 1999, sono state confiscate, tra l’altro, la villa di Sacrofano e opere d’arte per un valore stimato di oltre 10 milioni di euro. Un’altra villa, nella stessa località, è stata affidata in comodato d’uso gratuito, per vent’anni, all’Asl Roma 4 per la realizzazione di una importante struttura sociosanitaria per aiutare le famiglie di pazienti con autismo.

Nei confronti di Salvatore Buzzi, imprenditore a capo dell’ampia rete di cooperative coinvolte nell’inchiesta e anch’egli condannato per associazione per delinquere, traffico di influenze illecite e corruzione, la misura patrimoniale ha ad oggetto due immobili a Roma nonché le quote e il patrimonio di due società, per un valore stimato di oltre 2,6 milioni di euro. “Indipendentemente dall’esito del giudizio penale – fa sapere ancora la Guardia di Finanza -, la confisca di beni è stata disposta anche a carico del ‘braccio destro’ di Carminati, Riccardo Brugia, e dell’altro sodale Fabio Gaudenzi, nonché degli imprenditori Roberto Lacopo – con riferimento, tra l’altro, alla società che gestiva il distributore di carburante in Corso Francia a Roma – Agostino Gaglione, Cristiano Guarnera e Giovanni De Carlo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA