Montella e Stramaccioni, romanisti ad honorem

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tre vittorie in tre gare contro la Fiorentina di Montella. Tre successi e un pari contro l’Inter di Stramaccioni. Tra campionato e coppa Italia alla Roma é andata di lusso contro le squadre degli ex pilastri del settore giovanile di Trigoria, oggi giovani tecnici tra i più stimati della massima serie. Montella e Stramaccioni sono stati battuti sia da Zeman sia da Andreazzoli. I due tecnici giallorossi li hanno affrontati e vinti giocando piú volte la stessa partita, con il medesimo atteggiamento tattico. A Firenze Andreazzoli ha usato gli stessi accorgimenti di Zeman nella gara a eliminazione diretta di coppa Italia. Con l’unica eccezione di schierare la difesa a 4 e non a 3 per un’ora e quarto, per poi mettere Marquinos nel finale. In veritá De Rossi ha giocato da diga davanti ai centrali e guarda caso ha disputato la sua migliore partita stagionale. Zeman, fatto storico, si snaturò a Firenze per fermare i viola, schierando per la prima e unica volta nella sua carriera la difesa a tre. In campionato all’Olimpico peró Zeman schiantò la Fiorentina sul gioco, affrontandola faccia a faccia, nella partita piú bella dell’intero campionato. Anche Stramaccioni é stato battuto con gli stessi accorgimenti tattici. Ai due giovani tecnici, che si confermano piú che mai bravi, per fare un ulteriore salto di qualità, manca una maggiore duttilitá tattica per evitare di perdere sempre alla stessa maniera. Ma questa dote si acquisisce con l’esperienza. Per ora, e per sempre, in bocca al lupo. Quello giallorosso, ovviamente.

Ps. Comunque quest’anno per gli allenatori romanisti non c’é stata trippa per gatti contro la Roma. L’Atalanta di Colantuono é stata bastonata in campionato e in Coppa Italia. Ko anche il Siena con Cosmi.