Mori sale in cattedra e le toghe di sinistra gridano allo scandalo. Ornano (Area democratica): “Grave che il generale sia stato invitato in una scuola a parlare di legalità”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

E’ bufera sull’ex generale dei Carabinieri Mario Mori (nella foto). “Apprendiamo dalla stampa la notizia delle gravissime parole pronunciate dal generale Mori”, accusa Cristina Ornano, segretario di Area democratica per la giustizia (toghe progressiste). “Altrettanto grave è che lo stesso generale sia stato invitato in una scuola a parlare di legalità su proposta di una parente di altro ufficiale (la preside è la sorella dell’ex ufficiale del Ros Giuseppe De Donno), pure condannato dalla Corte d’Assise di Palermo nel cosiddetto processo sulla trattativa Stato-Mafia. Il fatto che un imputato, condannato in primo grado, possa ambiguamente riferirsi a magistrati e, subito dopo, parlare di nemici rispetto a cui sperare di vivere abbastanza per vederne la morte, è inaccettabile”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA