Morricone, che musica Maestro. Il compositore strappa la nomination ai Golden Globes. Sua la colonna sonora dell’ultimo film di Tarantino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

L’ uomo, la musica, l’artista. Con questo biglietto da visita Ennio Morricone si presenta sul suo sito web. Ma per tutti è il Maestro. Il più grande musicista contemporaneo. Le sue colonne sonore sono una playlist indelebile per ciascuno di noi. Brani ascoltati centinaia di volte. Pensate a C’era una volta il West. Spegnete le luci, mettetevi comodi sul divano e accendete il lettore musicale. Estasi e brividi da pelle d’oca. Si vola nello spazio. Altro che Cristoforetti, altro che oppio e marijuana. È Morricone la droga che fa bene al cuore e alla mente. Il marziano che ti porta a esplorare altri mondi interiori.

LA NOMINATION
Morricone è stato scelto tra le nomination per i Golden Globes. È entrato nella cinquina delle migliori colonne sonore con il film The Hateful Eight di Quentin Tarantino, che in Italia uscirà a febbraio. Con il regista di Pulp fiction è la prima volta. Quella vera perché con Django ci fu qualche screzio. Ha ceduto dopo un lungo corteggiamento, come ha ammesso lo stesso Tarantino. Una prima vera volta scioccante, come invece ha confessato il Maestro al Telegraph: «Sono rimasto impressionato, persino scioccato dalla violenza di alcune sequenze». Morricone ha pure ammesso l’ansia da prestazione: «Ero nervoso prima di comporre la colonna sonora perché pensavo che Tarantino meritasse qualcosa all’altezza del film».

LA CARRIERA
Il Maestro ha 88 anni. Dal 15 gennaio riprenderà da Praga la sua estenuante maratona di concerti in giro per il mondo. Il 17 sarà a Budapest, il 16 febbraio a Londra, il 21 ad Amsterdam, il 21 marzo a Mosca, il 22 maggio a Roma e il 28 a Parigi. Più di una dozzina di tappe nei primi 5 mesi del 2016. Dal 1960 Morricone ha musicato oltre 400 film lavorando con registi italiani e internazionali, tra cui Sergio Leone, Gillo Pontecorvo, Pier Paolo Pasolini, Bernardo Bertolucci, Giuliano Montaldo, Lina Wertmuller, Giuseppe Tornatore, Brian De Palma, Roman Polanski, Warren Beatty, Oliver Stone, Pedro Almodovar, Roland Joffè. Tra i suoi film più noti ricordiamo: La Battaglia di Algeri, Sacco e Vanzetti, Cinema Paradiso, La leggenda del Pianista sull’Oceano, Malena, The Untouchables, C’era una volta in America, Mission, U-Turn. Più di 100 composizioni scritte dal 1946 a oggi. Dopo essere stato nominato per 5 volte tra il 1979 e il 2001, nel 2007 ha ricevuto l’Oscar onorario. Morricone ha poi vinto 3 Grammy Awards, 2 Golden Globes, 10 David di Donatello, 11 Nastri d’Argento, un Leone d’Oro alla carriera. Nel 2010 è il primo italiano a ricevere il Polar Music Prize. Ha venduto più di 70 milioni di dischi. Ha diretto orchestre in tutto il mondo tra le quali l’Accademia di Santa Cecilia, la Filarmonica della Scala, Teatro dell’Opera di Roma, di Budapest, la London Synphony Orchestra. Due le sue passioni: gli scacchi e la squadra della Roma.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA